17.5.15

That does it!

DOONESBURY DI GARRY B. Trudeau nella calda domenica milanese (finalmente!)


10.5.15

AIEE!

DOMENICA DI SOLE, finalmente primaverile. Con Doonesbury di Garry B. Trudeau.


3.5.15

Jimmy!

DOMENICA, TEMPO DI andare a Las Vegas e di leggere Doonesbury di Garry B. Trudeau.


26.4.15

Uh-oh.

TORNA COME OGNI domenica Doonesbury di Garry B. Trudeau.


19.4.15

So stop reading day-old news!

DOMENICA FRESCA MA soleggiata con Garry B. Trudeau e il suo Doonesbury.


12.4.15

Plus, you have to be Superman.

CIAO, BUONA DOMENICA ovviamente con il sole, Garry B. Trudeau e il suo petrolifero Doonesbury


6.4.15

Il miglior carpiato è quello che deve ancora arrivare

MARKDOWN, CSS, HOSTING. Questo Posto è al lavoro per creare qualcosa di più grande e concreto, è in cerca di un incessante rilancio, crede fermamente che non esista niente di perenne: l'unico equilibrio possibile è il movimento. Non foss'altro perché gli anni passano e quello che era davanti adesso è dietro e viceversa. Nel lungo periodo etc etc.

Adesso, come ogni giovane autore che si rispetti, è bene che mi cominci a preoccupare della mia carriera. Ad esempio: un bel logo?

Si lavora alacremente. Grandi novità sono attese nei prossimi giorni. E se non dovessero essercene, pazienza, si rimane dove siamo...

5.4.15

It's...

TORNA COME OGNI domenica, anche quella di Pasqua (Auguri!), Garry B. Trudeau con il suo Doonesbury


29.3.15

Not another cashier...

DOONESBURY DI GARRY B. Trudeau in una domenica immersa nel sole. Come sempre a primavera.




22.3.15

saturno contro la terra (almanacco di linus 1969)

LA RIVISTA DI fumetti Linus compie 50 anni (e li festeggia con una mostra alla libreria Utopia di Milano sino al 25 marzo. Linus è la rivista fondata nel 1965 da Giovanni Gandini (editore, scrittore, disegnatore e mille altre cose). Per me Linus sono tre distinte stagioni della mia vita. La prima è antichissima, quando da bambino leggevo a casa dei miei zii la collezione rilegata delle prime cinque-sei annate. Poi da adolescente, quando l’ho ritrovata e riletta, appassionandomene di nuovo. Infine da giovane adulto quando ho provato a leggerla autonomamente (erano gli anni dell’università, che per Linus hanno coinciso con il formato pocket) lentamente staccandomene soprattutto da quando è tornata a essere un grande fascicolo. Da anni era scomparsa dal mio radar.

Linus è un nome simpatico, il nome di uno dei personaggi dei Peanuts di Schultz. Era nata come rivista-laboratorio leggera ma con un clima ricco e promettente. Per me non c’erano Umberto Eco ed Elio Vittorini e neanche tanto Gandini (o il suo successore, l’altrettanto stratosferico Oreste del Buono) quanto i fumetti, le strip, i disegni. Una estetica. C’era il tratto di Crepax, c’era Jules Feiffer, c’era Georges Wolinski (che modo assurdo di andarsene ed essere ricordato per quello, lui che aveva avuto una vita lunghissima con tante cose dentro a cui fare riferimento e non il solo terrorismo) e c’era l’invasione dei Peanuts, dei Popeye, dei Li’l Abner, dei Bristow, di Dick Tracy e di Jeff Hawke fino a Doonesbury.

Le storie, il modo di raccontarle e il modo di illustrarle: tutto risuonava in un infinità di modi diversi. Non ho mai più avuto, se non forse con Urania ma a livelli più profondi, altrettanta energia e altrettanti stimoli come con Linus.



Non è mica finita, sapete: dentro c’erano B.C. e The Wizard of Id, il potentissimo Pogo, ma anche Calvin & Hobbes, Fearless Fosdick (la fantastica parodia di Dick Tracy che veniva montata dentro le strip di Li’l Abner) e tantissime altre cose che non ricordo. E poi c’erano gli almanacchi, quelli me li ricordo. Linus ci si è costruito un impero di senso con questi albi fuori serie: da Barbarella ai Peanuts sino a un fumetto che mi ha segnato profondamente. Saturno contro la Terra. Anzi, “saturno contro la terra”, per rispettare la titolazione religiosamente tutta minuscola degli “almanacchi di linus”.


Era una serie di fumetti pubblicati in origine tra il 1936 e il 1946 e mai più ripubblicati integralmente dopo l’edizione del 1969 di Linus. Scritta da Federico Pedrocchi (con Cesare Zavattini per il primo episodio) e disegnata da Giovanni Scolari. Sette episodi, usciti a strisce orizzontali (il formato all'italiana), che passarono alla storia non solo per essere stata la prima serie di fantascienza della storia del fumetto italiano ma anche per essere stata la prima a venir tradotta in inglese per essere pubblicata sul mercato americano (1940).

Ecco la lista degli episodi:


  • Saturno contro la terra


  • L’isola di sabbia


  • La guerra dei pianeti


  • L’ombra di Rebo


  • Le sorgenti di fuoco


  • La sfera d’aria


  • La fine del mondo



  • I ricordi di quell’almanacco sono legati a mio zio, ovviamente, perché è grazie a lui che l’ho scoperto. E, come spesso succede, a una particolare stagione della vita: la scoperta di un testo diventa legata a momenti, emozioni, fasi dell’esistenza. Molta letteratura soprattutto per ragazzi ha conquistato fama e successo capitalizzando sulle stagioni della vita dei lettori più che sui suoi meriti. Però c’era e c’è qualcosa dentro Saturno contro la Terra che va oltre.

    Non sono solo i personaggi o l’arco della narrazione, quanto le ambientazioni, il gusto grafico. A rivederla oggi, sfogliandola di nuovo dopo più di vent’anni, le cose con Saturno contro la Terra sono cambiate, soprattutto nelle proporzioni rispetto al mio ricordo, perché a rivederle le tavole sono strette e claustrofobiche rispetto al fumetto di oggi, che invece ha bisogno di lenzuolate su cui disegnare una formica in mezzo a un deserto bianco. Ma, riconquistando il senso delle proporzioni originali, superando il velo delle parole che dai baloon fanno ombra al disegno, si ritrova una capacità grafica entusiasmante. Il tratto di Scolari affascina, stupisce, diventa kolossal in spazi minimi, epico, trascendente. Un bianco e nero pieno, gustoso, di gusto americano, certamente, ma con un sapore e ambientazioni inedite. Dietro a Saturno contro la Terra c’è una sapienza che avrebbe potuto creare un’industria e non, invece, arenarsi dopo sei albi e un conflitto mondiale.



    Lo sto rileggendo in una domenica pigra e piovosa, cercando di non notare che la copia che ho comprato è un pezzo da collezione (peraltro, i prezzi su eBay sono veramente fuori di testa: 200 euro? Scherzate vero?). Fregandomene della rilegatura, dei margini, del candore delle pagine. Tengo bene i libri ma senza ansie, e così faccio anche con questo. Si sciuperà ma non più degli altri che ho in casa da quarant’anni. Lo faccio per potermi concentrare con la testa e anche con i sensi e il pensiero inconscio sul viaggio che questa serie a fumetti mi permette di fare, senza filtri. Un viaggio fantastico in cui si legge la passione di un’Italia lontana, il candore di nuove scoperte oggi lontane, la piacevolezza di uno sguardo fantastico che riesce tuttavia a dipingere in maniera realistica un altro mondo. Insomma, volevo dirvelo. Auguratemi buon viaggio.

    Mommy's special lasagna?

    DOONESBURY TORNA ALLA grande anche durante la prima, piovosa domenica primaverile a Milano, grazie a Garry B. Trudeau.


    15.3.15

    Esperimenti

    MA SE USASSI il telefono per bloggare, con l'app che Google non aggiorna mai? Il problema sarebbero le tag e soprattutto le immagini. Tuttavia...